Home
Su

 

 

 Nikkor 24-70mm AF-S F.2,8G ED

vs.

Nikkor 28-105mm. AF-D F.3,5-4,5 IF

 

Questo confronto è dedicato a tutti i nikonisti che finalmente sono riusciti a passare al "formato pieno" dopo essere passati per il formato "apc-s", formato che per chi, come me, ha militato per lungo tempo in analogico, stava un po' stretto, senza dimenticare i vantaggi dal lato tele che però questo ha comportato, ma anche gli svantaggi dal lato grandangolare!!!

Ancora oggi, inizio 2015, chi fa caccia fotografica come me sta ancora aspettando da Nikon una degna erede della d300-d300s!!!!

Ma bando alle ciance veniamo al confronto che credo possa interessare a coloro che, come dicevo sono passati al full frame svuotando il conto in banca ed oggi si trovano o con le vecchie ottiche per il formato DX (con tutto ciò che ne consegue in termini di utilizzo) o stanno pensando di dover investire altro denaro per uno zoom per l'utilizzo quotidiano. Con questo mio modesto contributo spero di dare una risposta a questi ultimi.

Iniziamo con alcune informazioni tecniche sulla modalità di svolgimento del test: tutti le foto sono state scattate con una nikon d810 (macchina con un sensore piuttosto esigente in termini di qualità essendo accreditato di 36mpx), cavalletto Manfrotto O55, testa a sfera Manfrotto 688rc2, alzo anticipato dello specchio (per ridurre le vibrazioni) e scatto remoto, il tutto con macchina ovviamente "in bolla".

Oggetto di confronto sono;

- il professionale ed attuale Nikkor 24-70mm. AF-S F.2,8G ED

- il semi-professionale ed "old style" Nikkor 28-105 AF-D F. 3,5-4,5 IF.

 

nikon_24-70g_f2-8.jpg

 

afd28105.jpg

La scelta è caduta su questi due obiettivi escludendo i fissi in quanto si è cercato di dimostrare se si possono fare buone foto con una vecchia ottica af riducendo al minimo l'investimento considerando che è possibile acquistare il vecchio 28-105 (sul mercato dell'usato in quanto non più in produzione dal 2000) ad un prezzo che varia tra i 120 ed i 180 euro!!!

A scanso di equivoci sulla validità del "pretendente" ricordo che questa ottica era spesso fornita a corredo della mitica F100 analogica e quindi merita, a mio avviso, più considerazione di quella che le è stata dedicata.

Il risultato di questo test casereccio potrebbe risultare scontato ma, come vedrete, ci saranno delle sorprese. 

Cercherò, per quanto mi è possibile di fornire il maggior numero di informazioni e dati utili a chi sta leggendo!!

 Alcuni dati tecnici:

 

AF-D Nikkor 28-105mm f.3,5-4,5 IF

AF-S Nikkor 24-70mm F.2,8G ED

Focale

28-105 mm.

24-70 mm.

Costruzione

16 lenti in 12 gruppi  

15 lenti in 11 gruppi (di cui 3 lenti a bassa dispersione in vetro ED, trattamento ai nanocristalli)

Rapporto Macro

1:5,2x in "normal"

1:2x in "macro"

1:3,7x

Diaframma max.

f. 3,5 a 28mm.

f. 2,8

Diaframma min.

f. 22

f. 22

Autofocus

Azionato dal corpo macchina

Motore ultrasonico

Minima dist. di messa a fuoco

0,50 mt. (0,22 mt. in modalità macro)

0,38 mt.

N. lamelle del diaframma

9

9

Dimensioni

73 x 82 mm.

83 x 133 mm.

Diametro filtri

62 mm.

77 mm.

Peso

455 g.

900 g.

Paraluce

A calice

A petalo

 Come avete avuto appena letto nella tabella con i dati tecnici, l'obiettivo ha una particolarità: può essere utilizzato in modalità "normal" a tutte le focale, ma ha anche una modalità macro utilizzabile solo alle focali da 50 a 105mm., a quest'ultima focale raggiunge un rapporto di riproduzione 1:2, paragonabile alle ottiche macro specialistiche manual focus come il 55mm, il 105mm ed il 200mm!! Comunque anche in modalità normal la distanza minima di messa a fuoco è di 50cm. a tutte le focali, per poi raggiungere i 22cm. in modalità macro (alle focali consentite), non male direi!

Il passaggio da una modalità all'altra avviene mediante un piccolo "switch" meccanico (come si vede nell'immagine seguente).

DIGITAL_CAMERA_LENS_USED_NIKON_AF28_105.jpg

Di seguito, per completezza, si può vedere lo schema ottico adottato (in azzurro è evidenziata la lente asferica) e, per gli amanti delle prove strumentali, la MTF chart:

Nikkor-AF-28-105mm-f3.5-4.5D-IF-Lens-Construction.jpg

Nikkor-AF-28-105mm-f3.5-4.5D-IF-MTF-Tele.png

Forse è superfluo dirlo, ma l'autofocus del 28/105 funziona solamente con le macchine dotate del motore interno che trasferisce il movimento alle lenti tramite la presa di "forza", ergo con le entry level, quali serie d40, d60, serie d3xxx e serie d5xxx dovrete focheggiare a mano, ma dato che questa prova è indirizzate a possessori di full frame il problema non dovrebbe sussistere (che io sappia tutte le macchine Nikon a pieno formato sia attuali che non più in produzione sono dotate di tale dispositivo).

Comunque il 28/105 è un ottica "if" cioè internal focus, quindi non si allunga durante la messa a fuoco ne la lente frontale ruota a tutto vantaggio dell'utilizzo di polarizzatori, l'allungamento invece è presente durante la zoomata, ma ad onor del vero anche il 24/70 cambia la sua lunghezza fisica al variare della lunghezza focale impostata.

Pur essendo un obiettivo con af tradizionale, la velocità di messa a fuoco del 28/105 è piuttosto buona grazie alla breve escursione del sistema interno di allineamento delle lenti.

zoom.jpg

Venendo ora alla "prova sul campo".

Partiamo dal principio, questa è l'area "full frame" oggetto del test, il confronto è stato eseguito a 28mm, 50mm e 70mm omettendo le focali non comuni ad entrambi gli obiettivi.

 

28mmff.jpg

(a 28mm.)

50mmff.jpg

(a 50mm.)

70mmff.jpg

(a 70mm.)

 

Per un confronto il più attendibile possibile ho fotografato la medesima scena a tutte le aperture con entrambi gli obiettivi con una sovraesposizione di 0,7 stop per rendere più evidenti i dettagli della scena che altrimenti sarebbero rimasti troppo bui a causa della luminosità del cielo, ho poi provveduto ad estrapolare i crop del centro e dei bordi dalle immagini così da poterli affiancare e mostrare le differenze (clikkando sotto, sulle lunghezze focali evidenziate, potrete vedere ed eventualmente scaricare liberamente tali confronti con crop al 100% senza ridimensionamenti né alcun tipo di post produzione, i file in jpg sono così come usciti dalla macchina - picture control standard +2 nitidezza).

 

Confronto centro dei fotogrammi: 28mm.  50mm.  -  70mm.

 

Confronto bordi dei fotogrammi: 28mm.  50mm.  70mm.

 

A questo punto avrete visto con i vostri occhi la differenza qualitativa delle immagini restituite dalle due ottiche oggetto di questo test, ma mi permetto ugualmente di fare alcune considerazioni.

La focale più critica per questo confronto è quella grandangolare, infatti a 28mm al centro la nitidezza è ottima per entrambe le ottiche con un vantaggio per il 24/70 fino all'apertura di f.4 poi le differenze non sono rilevanti, ma ai bordi il 28/105 non regge il confronto a nessuna apertura, chiaramente le differenze si assottigliano al chiudersi del diaframma ma il 24/70 è sempre di gran lunga superiore sino ad una apertura di f.11, in questo caso direi che il peso degli anni dello schema ottico sulle spalle del 28/105 si sente tutto!!

Le cose migliorano per il vecchio zoom alla focale di 50mm dove al centro è paragonabile al 24/70 da f.5,6 in poi, ad f.4 il nuovo è sicuramente superiore, ai bordi il 28/105 a tutta apertura (f. 4) è più morbido rispetto al suo concorrente ma direi che la differenza non è paragonabile a quanto riscontrato alla focale più grandangolare, già da f. 5,6 sono praticamente indistinguibili gli scatti dell'uno rispetto a quelli dell'altro obiettivo.

A 70mm. le differenze di resa tra le due ottiche, soprattutto al centro, sono minime (ovviamente ad aperture di diaframma analoghe), infatti, tranne che a t.a. dove il 24/70 è migliore, da f.5,6 gli scatti sono comunque eccellenti. I bordi a 70mm del 28/105 sono un po' morbidi a t.a., ma già a f.5,6 le differenze a vantaggio del 24/70 sono minime per poi sparire da f. 8 in poi.

 

Quindi se il test si fosse limitato ad un confronto dei crop della parte centrale delle immagini vi avrei detto che, tralasciando lo stop di vantaggio del 24/70, nell'utilizzo di tutti i giorni non avreste riscontrato differenze tra le due ottiche in quanto entrambe ottime con il vantaggio per il 28/105 di pesare la metà dell'altro ed avere una maggiore escursione focale.

Passando però ad analizzare i crop ai bordi dei fotogrammi la musica cambia soprattutto alle focali minori dove lo schema ottico più moderno ed il trattamento ai nanocristalli del 24/70 fanno la parte del leone nei confronti del vecchio 28/105 che pur essendo una più che buona ottica non può reggere il confronto, ma dai 50mm in su le differenze si assottigliano di molto, senza considerare poi che il vecchietto arriva a 105mm mentre il nuovo solo a 70!!!

A questo punto però corre l'obbligo di eseguire anche un confronto alle brevi distanze che per il 28/105 diventano brevissime in certe occasioni!!!

Per questo confronto si sono presi gli scatti così come uscita dalla macchina in formato Raw senza correzioni, solamente ridimensionamento per web.

Alla minima distanza di messa a fuoco con il 24/70 si ottiene al massimo questo ingrandimento:

macro24-70-f11.jpg

(24/70mm a 70mm. f. 11 - fotogramma intero)

macro24-70-f11cr.jpg

(crop. al 100% della foto precedente)

Questo invece è l'ingrandimento che si ottiene con il 28/105 a 70mm impostato su normal:

macro28-105-f11.jpg

(28/105mm a 70mm f. 11 modalità normal)

macro28-105-f11cr.jpg

(crop. al 100% della foto precedente)

Se il test si fermasse qui il 24/70mm per ciò che concerne la foto macro avrebbe vinto a mani basse, ma così non è...........................questa è la dimostrazione:

macro28-105-f11macro.jpg

(28/105mm a 105mm f. 11 modalità macro)

macro28-105-f11macro-cr.jpg

(crop. al 100% della foto precedente)

macro28-105-f11macro-crjpg.jpg

(stesso crop. al 100% di prima ricavato dal Jpg e non dal raw con impostazione in macchina standard +2 nitidezza)

 

Qui direi che il 28/105 si riscatta alla grande sul 24/70 con un rapporto di riproduzione di 1:2 di gran lunga superiore a quello del suo antagonista, ai bordi, data la minima distanza di messa a fuoco (pochissimi cm. dalla lente frontale) sono piuttosto impastati a causa della curvature della lente frontale, ma il centro è nitidissimo a livello di un obiettivo macro specifico già dal file raw, la cosa è ancora più evidente dal crop al 100% del file in jpeg dove l'elaborazione in macchina fa la differenza (comunque l'impostazione non è esasperata: picture control su standard e nitidezza a +2).

 

CONCLUSIONI

Alla fine della fiera direi che il 24/70 è sotto molti aspetti superiore al più economico, ma pur sempre valido, 28/105 soprattutto se si considera la resa ai bordi (principalmente alle focali più grandangolari) e la luminosità con quasi uno stop di vantaggio a 28mm che diventa uno stop a 70mm.

Ma anche il vecchio zoom ha i suoi vantaggi:

- al centro la resa non si discosta quasi mai in maniera significativa da quella del più blasonato 24/70 a qualunque focale si consideri,

- rende al 24/70 4 mm. dal lato grandangolare ma ne guadagna ben 35 dal lato tele che nel pieno formato a volte fanno la differenza in certe circostanze,

- per la foto macro non eccessivamente impegnativa il suo rapporto di riproduzione di 1:2 è una manna dal cielo, praticamente lo stesso di un 55mm macro ai-s o di un 105mm. macro ai-s, con una nitidezza al centro invidiabile,

- la minore luminosità, grazie alla resa agli alti iso delle odierne macchine digitali, non è più così determinante come lo era al tempo della pellicola,

- il costo di acquisto che è pari a circa 1/10 del fratellone 24/70,

- da ultimo, ma non per ultimo, il peso "piuma" rispetto al suo concorrente: CIRCA la metà (455g contro 900g del 24/70), la cosa vi assicuro che in montagna, quando si percorrono sentieri scoscesi, sia che siano in salita che in discesa, è veramente una benedizione!!!

In conclusione, se si riesce a trovare un buon esemplare, il 28/105 è un obiettivo da considerare, il suo valore in termini di qualità di immagini restituite è di gran lunga superiore al suo costo, infatti se ci pensate bene si riesce ad accaparrarselo al costo di un buon filtro!!! E' sicuramente un obiettivo con un vecchio schema ottico, si consideri che è fuori produzione dal 2000, ben più di un decennio, ma questo non significa che se è stato sostituito da obiettivi più moderni questo non continui a sfornare ottime foto!!!

in definitiva direi, con tutte le cautele del caso: "Tanta resa con poca spesa!!!"

Spero che, anche questa volta, la mia breve trattazione sia stata utile a qualcuno di Voi!!

Luca M.